La cucina del Povero Diavolo è semplice nella sua complessità, un ossimoro di se stessa, sviscera le sue radici per ramificarsi verso il futuro.